0

0

Seleziona una pagina

La storia

La Cascina Bordona ha origini antiche; era stata proprietà dei Visconti, poi attraverso i secoli aveva subito vari passaggi e trasformazioni e per ultimo, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, divenne proprietà della famiglia Negri con una superficie di circa 30 ettari. Il padre Giuseppe portò l’azienda a 50 ettari. Successivamente, conl’aiuto del figlio Antonio l’azienda raggiunse gli attuali 128 ettari, con un rinnovamento continuo di strutture e sistemi di coltivazione. Nel ‘90 il padre Giuseppe abbandonò definitivamente l’azienda, lasciando al figlio ed al nipote Alberto la completa conduzione della Cascina Bordona. Si cominciò a gestire il lavoro pensando sempre più al rispetto dell’ambiente e degli animali. Fu presa la decisione di iscrivere la stalla (di circa 120 vacche nutrici di razza limousine) al libro genealogico nazionale (Anacli) e si adeguarono i sistemi di coltivazione ed allevamento scegliendo l’agricoltura biologica, sia con la linea vacca-vitello che con le coltivazioni di riso, mais, soia, pisello proteico, loietto, orzo, colza e prati. Questa scelta è stata lo sbocco finale di tutta una serie di iniziative di tipo naturalistico, che da anni venivano intraprese e sperimentate nella conduzione dell’’azienda. Anche il benessere degli animali è stato un obiettivo fondamentale perseguito nell’’allevamento, molto prima che si passasse al metodo di allevamento biologico.